Click here to skip to this page's main content.

New to the Open Library? — Learn how it works
Last edited anonymously
January 6, 2011 | History

I misteri di Piedigrotta: dai culti segreti alla festa : il codice Dioniso, il simbolismo, tradizione, storia ed altre storie napoletane nel labirinto 2 editions

Cover of: I misteri di Piedigrotta by Maurizio Ponticello
About the Book

Era la festa più antica al mondo e talmente celebre da chiamarla la Festa delle Feste, eppure è stata pugnalata alla schiena, e lasciata morire esangue senza che alcuno tentasse una reale rianimazione. Chi ha ucciso Piedigrotta? Ma, innanzitutto, perché?
Denigrata, esaltata, vilipesa, mistificata e soppressa, recuperata sotto altre forme, e poi ancora cancellata dal calendario degli eventi: Piedigrotta è l’emblema stesso della città di Napoli. Ricordata esclusivamente quale trampolino di lancio della canzone partenopea, è stata cavalcata da ogni regnante come una sfavillante vetrina politica fin quando non è risultata ‘scomoda’. Le sue origini sono molto arcaiche: tutto ha avuto inizio in un’orrida bocca spalancata nella montagna di Posillipo, una caverna tenebrosa trafitta da un raggio di sole, e poi benedetta da Virgilio mago…
Storie e miti arcani: nella simbologia dei luoghi e dei segni arrivati fino a noi si nasconde molto altro. Lo svela passo dopo passo in un’intrigante ed avvincente narrazione Maurizio Ponticello nel libro “I Misteri di Piedigrotta. Dai culti segreti alla Festa: il Codice Dioniso, il simbolismo. Tradizione, Storia ed altre storie napoletane nel labirinto” che ha ricevuto la Menzione Speciale al Premio Masaniello 2009, Napoletani Protagonisti. L’autore, reduce dal successo che in poco tempo ha fatto di Napoli, la città velata un ‘classico’ imperdibile, torna prepotentemente a occuparsi delle radici più profonde della città-culla della scienza iniziatica del Mediterraneo, e propone un viaggio pirotecnico, metafora di un percorso dell’anima oltre che spunto per tracciare una storia altra e sconosciuta. Alchimia, antropologia, storia delle religioni comparate, mitologia, simbolismo: secondo Ponticello, che applica il Metodo Tradizionale, sono tutti elementi necessari per una comprensione unitaria del senso della Festa e della partecipazione colta e popolare scandita per oltre venti secoli.
Seneca, Boccaccio, Petrarca, il Marchese de Sade, Goethe… maremoti, peste, inquisizioni, rivolte… grandi nomi e grandi eventi sono legati a Piedigrotta: l’intera storia partenopea tocca il palcoscenico miracoloso di Mergellina, e lo scrittore Ponticello, assumendo le vesti di detective, la scruta da una finestra privilegiata raccontando i fascinosi e dimenticati risvolti. Scritto con il ritmo serrato di una partitura musicale, asciutto ed avvincente come un thriller in cui scorrendo le pagine affiorano gli elementi per la soluzione del ‘delitto perfetto’, I Misteri di Piedigrotta offre più piani di lettura in un incastro da best-seller.
L’autore appassiona il lettore e lo conduce ancora una volta per mano nel labirinto: dischiude veli misteriosi, ricolma lacune, spalanca verità insospettabili, evidenzia menzogne, ribalta luoghi comuni ed il senso attribuito fino ad oggi alla festa dimostrando che è stata deliberatamente imbavagliata, rinchiusa all’interno di uno steccato, ed infine abbandonata. Per comprenderne i motivi bisogna fare un salto temporale di oltre duemila anni e ripercorrerne la storia, le tappe e gli eventi cruciali che hanno segnato la fondazione del santuario: solo in questo modo il puzzle può essere ricostruito e far scoprire che sotto il ‘giallo’ Piedigrotta si nascondono ben più alti Misteri.
Ma di quali Misteri parla Ponticello? Perché lo studioso utilizza sempre la ‘m’ maiuscola quando li illustra? «Una cavità che s’insinua nelle viscere della terra assorbe il suo silenzio, la profondità della sua notte – scrive l’autore in questa immagine suggestiva –. Più essa si immerge sotto la massa che grava inerte sulla sua spina dorsale, più il buio diventa greve, fosco, cupo, immenso e impenetrabile. Terribile. Fin quando il nero delle tenebre non avvolge tutto con il suo manto impalpabile, il suo respiro assimila ogni cosa, le sue fauci divorano le stesse ombre. L’orrida notte, il nero degli abissi che si accomuna al silenzio… Se così fosse non saremmo qui a parlarne. Stiamo riferendo di una grotta oggetto di travolgenti passioni religiose, denigrazioni, versi aulici dei poeti e canzonieri più illustri, fiumi d’inchiostro versati pro e contro, dibattiti, storia e storie, leggende, miti, magia… Ma, quel che in questo contesto risulta più importante è che nel suo cuore venivano celebrati i Misteri del Sole. E tanto oscura allora non può essere. Per questo la Crypta Neapolitana assume la connotazione tutta speciale di luogo miracoloso».
Quindi, alla luce di quanto riportato, all’origine c’è questa orrida spelonca che, secondo la tradizione, fu aperta da Virgilio Mago: un luogo “miracoloso” che accoglie anche le spoglie mortali dello stesso Poeta. Ma i Misteri di cui tratta Ponticello non finiscono qui, e hanno una serie di altri risvolti intriganti: il dio Priapo, per esempio, al quale la Piedigrotta è sempre stata arbitrariamente associata, spettro di ogni oscenità per motivare la chiusura del sipario, non ha ruolo nella festa, afferma l’autore con convinzione, e ne dimostra ampiamente le motivazioni risalendo alle fonti più antiche. Ma, se non è Priapo, chi ne detiene il vessillo? E poi, “cosa c’entrano – come scrive nella bella Prefazione Gianfranco De Turris – Priapo e Maria Vergine, Pulcinella e Dioniso, Virgilio e Mithra, le streghe e i pirati cilici, la Sirena Parthenope, Iside, Persefone/Kore, San Gennaro e la Madonna con Piedigrotta, luogo e festa?” Che cosa è accaduto nel Cinquecento, quando improvvisamente è stato ribaltato l’ingresso del santuario? E la leggenda dell’apparizione della Madonna risale davvero al 1353, come si sostiene, oppure è successiva di un secolo ed è stata artatamente retrodatata? Da chi? Perché? Che ci faceva, inoltre, un alchimista tra i canonici lateranensi del santuario del ’500? Che cos’è il ‘triangolo benedetto’? E il ‘codice Dioniso’? Cosa nasconde la tradizione dello scarpunciello d’’a Maronna, e che cosa è occultato, invece, tra i segni dell’iconografia più conosciuta della Signora di Piedigrotta? Quale ruolo hanno i carri, quale la maledetta musica e l’ancor più maledetta tarantella che caratterizzano la festa?
Sono solo alcuni tra gli enigmi che s’intrecciano con gli autentici Misteri in un’affascinante ricostruzione di una delle storie più belle ed inesplorate. Maurizio Ponticello raccoglie la sfida lanciata anni fa dal Maestro Roberto de Simone, e rilancia, partendo proprio dai suoi passi. Ricco di documenti inediti che aprono un nuovo e sorprendente scenario interpretativo, I Misteri di Piedigrotta esce sessant’anni dopo l’ultima monografia sull’argomento, colma un vuoto di secoli e provoca un acceso dibattito sulla Festa del dopo Elton John e sul recupero delle radici più autentiche.

Lists

You could add I misteri di Piedigrotta to a list if you log in.

2 editions First published in 2009

Edition Read Borrow Buy
Cover of: I misteri di Piedigrotta
2009, Controcorrente
I misteri di Piedigrotta
in Italian
Cover of: I misteri di Piedigrotta
2009, Controcorrente
I misteri di Piedigrotta
in Italian

History Created March 16, 2010 · 3 revisions Download catalog record: RDF / JSON

January 6, 2011 Edited by 93.44.85.78 Edited without comment.
October 20, 2010 Edited by 93.44.82.39 Added new cover
March 16, 2010 Created by WorkBot work found